plCercare la vittoria è l’obiettivo di ogni sportivo. Riuscire a vincere è tutta un’altra cosa. Anche perché ci sono diverse variabili che possono condizionare un risultato. Provare per credere. Liverpool e Manchester United hanno un’esperienza ampia per quanto riguarda variabili e fattori condizionanti: bisogna riprendersi e bisogna farlo alla svelta; l’Hull City sarà la vittima sacrificale per la squadra di Brendan Rodgers? Van Gaal dovrà invece vedersela con il Chelsea di Mou: una vittoria potrebbe mescolare tutte le carte in tavola.

Ma con i se e con i ma non si fa nulla, figuriamoci vincere un titolo in Premier League.

Tra i tre litiganti il quarto potrebbe godere: il City va in casa del West Ham per cercare di mantenere il passo dei londinesi e dare un forte segnale alle dirette concorrenti. Obblighi morali e di vittoria anche per Wenger: in campionato sono arrivati troppi stop e la trasferta di Sunderland deve sbloccare una situazione davvero insostenibile.

Obblighi morali ma non troppo. Il Southampton sfida lo Stoke City, per continuare a sorprendere un’intera nazione. Obblighi e basta invece per i Magpies: la squadra di Pardew è attesa in casa del Tottenham; fare punti vorrebbe dire sbloccare una situazione davvero difficile.
Situazione da sbloccare anche in casa Everton: i Toffees affronteranno il Burnley, per poter risalire la classifica e occupare le posizioni di vertice che spettano a Lukaku e compagni.

Nella parte medio-bassa della classifica si affrontano QPR e Aston Villa, mentre lo Swansea ospita il Leicester. Il Crystal Palace va ad affrontare il WBA, che ha messo in difficoltà lo United nel monday night della scorsa giornata.