Arséne Wenger è pronto a giocarsi tutto il budget a disposizione per la sua campagna acquisti, circa 80 milioni di euro, bussando alla porta di una sola squadra, il Real Madrid.

Karim Benzema, Mesut Ozil e Angel Di Maria: sono questi i 3 giocatori dei Blancos nel mirino del tecnico francese, sempre più preoccupato di dover rinforzare la sua squadra anche alla luce del durissimo girone di Champions League in cui si è trovato il suo Arsenal che dovrà vedersela con Napoli, Borussia Dortmund e Olympique Marsiglia.

I 3 giocatori ‘in nomination’ insistono di voler restare al Santiago Bernabeu, ma il club madrileno starebbe valutando seriamente la proposta anche alla luce dell’ingente investimento, 100 milioni di euro, sostenuto per portare Gareth Bale a Madrid.

La dirigenza del club londinese sarebbe dunque al lavoro per mettere insieme un’offerta i cui termini siano da subito ritenuti soddisfacenti da parte del Real.  Ciò al fine di evitare complicazioni che potrebbero rallentare la trattativa, vista l’ormai imminente scadenza della sessione di mercato fissata nella serata di lunedì prossimo. Il timore, secondo quanto trapela dai piani alti del club, è che non ci sia il tempo tecnico per concludere la trattativa visto che il Real sembra riluttante a considerare qualsiasi cessione prima di aver ufficialmente concluso per Gareth Bale.

Wenger si trova quindi davanti alla prospettiva concreta di concludere il mercato estivo senza acquisti eccellenti. La cosa, oltre a fare letteralmente infuriare i tifosi, renderebbe davvero difficile il cammino dei Gunners nelle varie competizioni, dato che l’infermeria è già affollata a causa dei parecchi infortuni subiti dai suoi ragazzi in queste primissime fasi della stagione.

L’ultima tegola per il manager alsaziano è l’infortunio di Lucas Podolski durante il match di ritorno contro il Fenerbache nei preliminari di Champions League.  Lo stiramento al bicipite femorale, dopo gli accertamenti di ieri, si è rivelato più grave del previsto, con l’attaccante tedesco che sarà indisponibile per almeno 10 settimane.