Chissà cosa deve aver pensato Jose Mourinho all’86’ di Manchester City – Chelsea quando ha visto sbucare il numero 18 dei Citizens in un’area affollata e infilare in spaccata la porta dei Blues.

Perchè quel “18” assomigliava davvero tanto, troppo, a un numero “8” ben noto al tecnico portoghese e da lui “spesato” al termine della scorsa stagione dopo 13 anni di battaglie e di record.

Così, secondo il più classico dei copioni, ecco arrivare il più classico dei gol, quello dell’ex. Frank Lampard non esulta, ovviamente, ma in quei pochi secondi i pensieri del manager e del suo “ex” si saranno sicuramente incrociati, da qualche parte sul rettangolo di gioco.

Ecco come il nostro Giuseppe “Peppart” Avolio, in esclusiva per quellichelapremierleague.com, ci racconta quello che è successo ieri all’Etihad:

mou e lampard2