moyesDavid Moyes non si arrende e cerca in tutti i modi di reagire, e soprattutto far reagire la squadra, alle critiche seguite all’ennesimo tonfo in campionato.

Il pesantissimo passivo di 3-0, questa volta rimediato nel derby, ha scatenato nuovamente i tifosi contro il successore di Sir Alex Ferguson, quel “chosen one” (il prescelto – n.d.r.) che sembra sempre di più seduto su una panchina decisamente traballante.

Alcuni supporters avrebbero dato inizio a una colletta per raccogliere le 1.000 sterline necessarie per noleggiare un piccolo aereo da turismo che domani, durante il match casalingo contro l’Aston Villa, passi sopra l’Old Trafford sventolando uno striscione con scritto “Wrong One (quello sbagliato – n.d.r.) – Moyes Out”.

Davanti a  questa clamorosa iniziativa il manager scozzese ostenta calma e serenità circa il suo operato e sul futuro suo e del MUFC, dichiarando che queste reazioni dei supporters rendono lui e i suoi giocatori ancora più determinati nel raggiungere i risultati.

Così Moyes nella conferenza stampa pre-partita di questo pomeriggio: “Sì ne ho sentito parlare – riferendosi all’iniziativa dell’aereo pubblicitario – Certo, è una cosa che possono fare, è un loro diritto farlo. Ma quello intrapreso è un lungo viaggio, ed è appena iniziato.

Poi, riferendosi alla pessima performance infrasettimanale contro il City, ha aggiunto: “Non abbiamo giocato per niente bene.  Avevamo fatto dei progressi notevoli contro Olympiacos e West Ham. I giocatori sanno perfettamente cosa significhi giocare per il Manchester United.  Sono ben consapevoli degli alti standard a cui devono performare. Sono molto dispiaciuti, quanto me, e hanno una gran voglia di tornare in campo e raddrizzare le cose già a partire dalla partita contro il Villa.”

Nonostante i ripetuti “inviti” di alcune parti della tifoseria a dimettersi dopo nemmeno una stagione alla guida dei Red Devils, Moyes continua a rintuzzare gli attacchi, risponde alle critiche e guarda al futuro: “Sono più motivato che mai. Voglio cambiare con tutte le mie forze la situazione in cui ci troviamo e sono certo di poterci riuscire.  Questo è un grande club, capace di attirare grandi campioni.  Ci vorrà solo un po’ di tempo per sistemare tutto.  Sono però consapevole che sono i risultati quelli che contano.  Il successo anche economico di un club dipende esclusivamente dai risultati ed è per questo che sono fortemente determinato ad ottenerli.  Vedrete, faremo di tutto per scalare la classifica.”

A 7 giornate dal termine lo United “galleggia” al 7° posto, a -18 dalla vetta e a -12 dalla zona Champions.  Per salvare una stagione, e forse la panchina, per David Moyes non è davvero più il tempo di sbagliare.