plNuova stagione, ma sempre le solite vecchie abitudini. Soprattutto in casa Manchester.

Van Gaal aveva fatto sognare tutti in casa Red Devils, con le sue innovazioni hi-tech e il modo di relazionarsi con il club: ma il campo è un’altra cosa. Sconfitta di misura contro il modesto Swansea e immancabili polemiche nel post partita. Vecchie abitudini rispettate, ma anche cambiate all’ultimo momento.

Ne sa qualcosa Arsene Wenger: la vittoria all’ultimo respiro siglata dal solito Ramsey, regala i primi tre punti della stagione al managertransalpino. I Gunners tornano alla vittoria in un match d’esordio dopo ben cinque anni: anche i tifosi più scaramantici possono ben sperare per questo nuovo anno.

Come già detto, le vecchie abitudini vanno sempre rispettate. Cominciano con il piede giusto Liverpool e Manchester City: i Reds sconfiggono il rimaneggiato Southampton per 2-1, mentre i campioni d’Inghilterra si impongono con un 2-0 in casa del Newcastle. Vincere e convincere. E ovviamente rispettare le tradizioni.

Giornata di derby e di finali di partita “Thriller”: il Tottenham trionfa nell’altro derby di giornata contro il West Ham, sempre all’ultimo istante. Dier fa esultare gli Spurs e lancia un chiaro segnale all’Arsenal: la resa dei conti arriverà alla sesta giornata. Il North London Derby diventa sempre più avvincente.

Finali Thriller e classiche sorprese di inizio stagione: l’Aston Villa conquista tre punti pesanti sul campo dello Stoke City vincendo 1-0, così come l’Hull che parte con il piede giusto e vince in casa del QPR con lo stesso risultato. L’outsider, soprattutto in Premier è sempre in agguato. Basta chiedere all’Everton, fermato sul 2-2 dalla neopromossa Leicester. Anche qui partita ricca di emozioni e decisa solamente nel finale di gara. I Toffee Men, meno brillanti della scorsa stagione, hanno fatto davvero fatica nella prima stagionale, ma i postumi della pre-season sono pienamente giustificati.

Finale di gara incandescente anche tra WBA e Sunderland: lo scorso anno i due club combattevano per non retrocedere, mentre quest’anno entrambi vogliono sorprendere giocando un bel calcio. Dal match visto ieri, ci sono tutti i presupposti per migliorare.

Vecchie abitudini appunto, condite dalle solite sorprese stagionali: la ricetta giusta per divertirsi e far divertire. Welcome back Premier League!