Eccoci a quello che fino a qualche giorno fa tutti conoscevano come l’Hull City AFC, denominazione del club dal lontano 1904, ma che invece ora per volere del suo proprietario, l’egiziano Assem Allam, si chiamerà Hull City Tigers.  E c’è di più.  Se questo alla fine sarà il nome ufficiale, il patron del club ha anche avuto da ridire sulla denominazione ‘City’, bollandola come “banale, generica, anonima”. Per lui il club dovrebbe addirittura chiamarsi Hull Tigers, a suo dire “brand decisamente più commerciale”.  Per fortuna invece, e a parziale consolazione dei tifosi, la parola City resta dov’è, per ora…

L’Estate

Steve Bruce ha fatto di tutto per rinforzare la squadra e attrezzarla per affrontare il massimo campionato.  Maynor Figueroa, Curtis Davie e Allan McGregor sono giocatori di esperienza, Tom Huddlestone non ha bisogno di presentazioni, mentre Yannick Sagbo potrebbe sorprendere in attacco.

Gli obiettivi

L’Hull City si è davvero battuto come una ‘tigre’ nella Championship e dovrà farlo con ancora più determinazione quest’anno in Premier League.  Certo è più facile a dirsi che a farsi ma Steve Bruce farà di tutto per tenere il suo club fuori dalla zona retrocessione.

Guai in vista

La strada è subito in salita per l’Hull.  Si comincia allo Stamford Bridge (i più scaramantici ricorderanno che è lo stesso esordio dell’ultima volta in PL) poi, due settimane dopo, si va Manchester, sponda City.

Il nome su cui contare

Robbie Brady – vera e propria ‘fabbrica di assist’ la scorsa stagione, pedina essenziale a centrocampo.

Il giovane da tenere d’occhio

Max Clark, 17 anni, difensore sinistro. E’ già un habitué della Nazionale giovanile e dell’U-18 dell’Hull City con il quale è arrivato fino ai quarti di finale della FA Cup giovanile. Scoperto alla tenerissima età di 14 anni, Clark è un giocatore molto versatile sulla fascia sinistra.

La dichiarazione

Non vediamo l’ora di iniziare.  Speriamo di divertirci, fare esperienza e soprattutto di cercare di salvarci.  Questi sono i nostri obiettivi.

Top Tweeter

Sone Aluko (@sonealuko) – Specializzato nei commenti alle partite, meglio di molti ‘addetti ai lavori’

Gli arrivi

George Boyd (Peterborough, parametro zero), Maynor Figueroa (Wigan, parametro zero), Curtis Davies (Birmingham, n.d.), Ahmed Elmohamady (Sunderland, € 2,4 mln), Allan McGregor (Besiktas, € 2,1 mln), Steve Harper (Newcastle, parametro zero), Danny Graham (Sunderland, prestito), Yannick Sagbo (Evian, € 3,5 mln), Tom Huddlestone (Tottenham, € 6,15 mln).

Le partenze

Corry Evans (Blackburn, € 820.000), Sonny Bradley (Portsmouth, parametro zero), Danny East (Portsmouth, parametro zero), Mark Cullen (Luton, parametro zero), Andy Dawson (Scunthorpe, parametro zero), Jamie Devitt (svincolato), Paul McKenna (svincolato), Seyi Olofinjana (svincolato), Jay Simpson (svincolato), Jack Hobbs (Nottingham Forest, prestito), Tom Cairney (Blackburn, prestito).

La nuova maglia

La scorsa stagione l’Hull aveva preso la decisione storica di abbandonare le classiche strisce sulla maglia e ciò a portato il club alla promozione in Premier League per la seconda volta nella storia del club.  Ora è tempo di tornare alla più tradizionale maglia a strisce verticali nere e gialle.  Torna anche il blu sulla maglia da trasferta, quello dell’anno della retrocessione in Championship (2010).

E’ evidente che al club nessuno è convinto che ci siano legami, nel bene e nel male, tra i colori delle maglie e le sorti della squadra.

Le statistiche dalla scorsa stagione

  • In Championship l’Hull’ha totalizzato 79 punti, il sesto punteggio più alto di sempre e la miglior prestazione del club nella sua storia.
  • Robbie Brady è il capocannoniere della Championship con 11 reti.
  • Solo 10 i punti persi dalle Tigers nelle partite in cui l’Hull si è trovato in vantaggio, record per il campionato.

I risultati delle amichevoli estive

15 luglio vs. North Ferriby United (Grange Lane) – 3-1
20 luglio
vs. Sheffield Wednesday (Estadio Municipal de Albufeira) – 0-0
23 luglio
vs. Braga (Estadio Municipal de Albufeira) – 0-0
27 luglio
vs. Birmingham (St Andrew’s) – 1-2
29 luglio
vs. Peterborough (London Road) – 1-0
3 agosto
vs. Dynamo Dresden (Glucksgas Stadium, Dresden) – 1-0
6 agosto
vs. Eintracht Braunschweig (Eintracht Stadium, Braunschweig) – 0-2
10 agosto
vs. Real Betis (KC Stadium – Andy Dawson testimonial) – 3-0