mignolettE’ stato dipinto come un tiranno e criticato per i suoi metodi di gestione, ma Simon Mignolet è convinto che il Sunderland non starebbe giocando quest’anno in Premier League se non fosse stato per Paolo Di Canio.

Il portiere dei Black Cats, acquistato dal Liverpool per 10,5 milioni di euro quest’estate, spezza una lancia nei confronti del tecnico italiano, esonerato la scorsa settimana, riconoscendogli il merito di aver salvato il Sunderland da una probabilissima, se non certa, retrocessione in Championship la scorsa stagione.

Così il 23enne portiere belga durante una serata promozionale organizzata dalla Sells, produttrice di guanti per portieri: “Il modo in cui è stato dipinto (Di Canio – n.d.r.) non è del tutto corretto. Quando lui è arrivato lo scorso anno ha osservato molto, ha analizzato i giocatori e si è guardato intorno per capire come funzionava l’ambiente.  Dopo qualche giorno ha fatto qualche piccola modifica per dare una sua impronta alla squadra.  E’ andata così e nelle prime settimana abbiamo avuto dei risultati incredibili contro Newcastle ed Everton che hanno decretato la nostra salvezza.  Dopodiché ha introdotto il suo stile e il suo modo di fare le cose.  Ma se tu sei un giocatore professionista, tu devi seguire la direzione indicata dal tuo allenatore e devi cercare di fare al meglio quello che ti viene chiesto.  E per quanto mi riguarda lui è stato un buon allenatore con cui ho lavorato con piacere.”